DermaSensor, l’intelligenza artificiale che valuta il cancro della pelle in tempo reale

DermaSensor ha annunciato che la FDA (Food and Drug Administration l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici), ha approvato il suo sistema di valutazione del cancro della pelle in tempo reale, non invasivo e alimentato dall’intelligenza artificiale (AI).

Con sede a Miami, DermaSensor sta sviluppando un dispositivo portatile che utilizza l’ESS, una forma di spettroscopia ottica.

Questa tecnologia effettua prelievi non invasivi di tessuto, ottenendo informazioni a livello cellulare e utilizza centinaia di lunghezze d’onda della luce in modo simile a come il sonar usa il suono.

Tecnologia spettroscopica AI di DermaSensor per la valutazione non invasiva

DermaSensor ha spiegato che i medici possono utilizzare la tecnologia spettroscopica alimentata dall’AI per valutare in modo non invasivo le lesioni. Possono esaminare le caratteristiche cellulari e subcellulari di una lesione sospetta per il cancro della pelle. Il dispositivo wireless fornisce, quindi, un risultato immediato e oggettivo utilizzando un algoritmo.

Studio Pivotale e Sensibilità del Dispositivo

Uno studio pivotale (tipo di studio clinico progettato per fornire prove definitive sull’efficacia e la sicurezza di un trattamento, dispositivo medico o intervento terapeutico) su più di 1.000 pazienti ha trovato una sensibilità del 96% con il dispositivo su 224 cancri della pelle. Quando il dispositivo produceva un risultato negativo, ciò significava una probabilità del 97% che fosse benigno per tutti i tipi di cancro della pelle.

DermaSensor ha affermato che il suo dispositivo ha anche dimostrato di poter ridurre il numero di cancri della pelle non diagnosticati della metà (dal 18% al 9%).

Cody Simmons, co-fondatore e CEO di DermaSensor, ha spiegato: “Stiamo entrando nell’età d’oro dell’intelligenza artificiale predittiva e generativa nel settore sanitario, e queste capacità vengono abbinate a tipi innovativi di tecnologia, come la spettroscopia e il sequenziamento genetico, per ottimizzare il rilevamento delle malattie e la cura”.

E ancora: “Siamo onorati di essere il primo dispositivo approvato dalla FDA che fornisce ai PCP (Primary Care Provider, fornitore di assistenza primaria, n.d.r) uno strumento automatizzato per la valutazione di lesioni sospette”.

Leggi anche questi articoli